Il punto sulle procedure FASDIR per i rimborsi delle spese sanitarie

Cari colleghi,

a fine 2018 il FASDIR ha predisposto un “comunicato ai soci”, dove sono riassunte le procedure da seguire per fruire del servizio di assistenza sanitaria ai soci dirigenti, in  servizio ed in pensione.

Purtroppo, sappiamo che quasi nessuno di noi soci pensionati ha ricevuto questo documento, dove tra l’altro si da’ notizia di alcune voci aggiuntive nel tariffario.

Pensiamo di rispondere al desiderio di tutti di venire coinvolti su questo argomento in maniera tempestiva ed aggiornata e quindi vi alleghiamo una nostra lettera sull’argomento.

Cordiali saluti

 

Allegato:

 

Cari Soci,

   Vi informiamo che il FASDIR ha inviato a tutti gli iscritti  il  "Comunicato ai Soci - n. 2/2018 - Dicembre" con il quale ha illustrato:

- alcune modifiche apportate al Tariffario che prevede ora nuove prestazioni;

- le modalità da osservare per la presentazione delle richieste di rimborso in regime di assistenza "diretta" e "indiretta";

- la gestione integrata delle pratiche FASDIR-ASSIDAI;

- gli importi delle quote associative 2019;

- i canali di contatto e gli strumenti messi a disposizione degli assistiti FASDIR

  Il  Comunicato reca la data del 3 gennaio 2019 ma, poiché ci risulta che molti Soci non l'abbiano ancora ricevuto, riteniamo di fare cosa gradita trasmettendone copia a TUTTI i SOCI.

  Vi informiamo inoltre che il Comunicato sarà pubblicato sul sito ADPRAI ma, contenendo dati "sensibili", potrà essere consultato solo dai Soci che si iscriveranno nel "sito". A tal fine Vi invitiamo a seguire le istruzioni indicate nel sito “accedi ai servizi (solo per i soci)” e, qualora doveste incontrare difficoltà, a contattare il nostro segretario, l'ing. Salvatore Morello, che sarà volentieri a disposizione per “pilotarvi”!

  Osserviamo al riguardo che il Comunicato avrebbe dovuto essere predisposto molto tempo prima del 3 gennaio al fine di consentire ai Soci pensionati di provvedere tempestivamente al versamento della quota FASDIR 2019 in quanto, sebbene il termine ultimo per il versamento delle predetta quota fosse fissato al 31 gennaio 2019,  nel sito "onecare" di AON è scritto testualmente quanto segue:

"Gentile Socio, al fine di poter usufruire dell'assistenza sanitaria integrativa offerta dal FASDIR, risulta necessario attivare la copertura per l'anno 2019. Invitiamo, pertanto, i Soci in pensione/superstiti, qualora non vi avessero già provveduto, ad effettuare il versamento della quota associativa prima di trasmettere le richieste di prestazioni dirette e indirette 2019"

  Ciò significa che nel periodo 1° gennaio-31 gennaio non è possibile:

a) ottenere l'autorizzazione da parte di AON per effettuare prestazioni in "diretta" se non si è già provveduto a versare il contributo FASDIR ;

b) presentare fatture relative a prestazioni sanitarie fruite nel predetto periodo 1° gennaio-31 gennaio se non si dimostra ad AON di aver già pagato la quota annuale FASDIR.

  Nel sottolineare che l'ADPRAI ha già provveduto a rappresentare al FASDIR che le disposizioni contenute nel sito "onecare"  sono in contrasto con le disposizioni emanate dal FASDIR (e ribadite anche nel Comunicato n. 2) che consentono al Socio di effettuare il versamento della quota annuale entro il 31 gennaio, cogliamo l'occasione per osservare che anche quest'anno alcuni Soci non hanno potuto provvedere ad assolvere il predetto obbligo entro la data di scadenza in quanto non hanno ricevuto il Comunicato n. 2 del FASDIR o l'hanno ricevuto in ritardo rispetto alla data di scadenza del termine utile per il rinnovo dell'iscrizione.

  E' vero che i Soci iscritti all'ADPRAI provvisti di indirizzo mail sono stati informati già alla fine del mese di dicembre 2018 del contenuto del Comunicato con una mail dell'Associazione inviata a TUTTI coloro che hanno comunicato di avere un indirizzo di posta elettronica, ma è altrettanto vero che non tutti i dirigenti pensionati sono iscritti all'ADPRAI e che, comunque, anche tra quelli iscritti sono numerosi quelli che non sono in possesso di un PC e che comunque non sono capaci ad usarlo.

  Ci riserviamo pertanto di far presente al FASDIR la necessità anche per il 2019 di approvare una "moratoria"   nei confronti di quei Soci che per "ignoranza" (cioè per non aver ricevuto le istruzioni in tempo utile) hanno versato la quota associativa 2019 con alcuni giorni di ritardo.

   Cordiali saluti.

   La Segreteria ADPRAI

Utilizziamo i cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa estesa.