La “Mobilità elettrica in Europa” in prospettiva

Non passa giorno in Europa, che non si annuncino studi, prospettive, limiti temporali alla vita dei mezzi di locomozione tradizionali e quindi obiettivi sempre più pressanti di predisporre infrastrutture mirate a facilitare l’adozione dei MOTORI ELETTRICI.

A tal proposito, pensiamo sia molto importante il lancio di un’iniziativa di pianificazione di studi e proposte omogenee a livello europeo, per predisporre e realizzare in tempo una soluzione omogenea relativa al problema delle stazioni di ricarica, in grado di garantire a chiunque in Europa di trovare una efficiente e capillare rete, che dovrà sostituire quella dei distributori di benzina, gasolio e gas.

Nasce così il Consorzio Europeo FLOW fra 30 Paesi Europei, fra cui ovviamente in “pole position” l’Italia (ENEL ecc.), che ha come obiettivo proprio quello di trovare soluzioni efficaci ed omogenee ai problemi su esposti.

Invitiamo quindi a leggere un articolo appena apparso sul sito di key4biz (qui), che fornisce molte informazioni ed anticipazioni sull’argomento.

Inutile ribadire quanto sia essenziale realizzare le infrastrutture in argomento, pensando che al momento è stato deciso che, a livello europeo, non dovranno circolare più i mezzi di trasporto mossi da motori a combustione a partire dal 2035. 

Naturalmente, la pubblicazione di key4biz indicata contiene anche altri articoli con differenti argomenti: allungate l’occhio, che male non fa! 

Buona lettura!

Search